Pubblicazioni

18
Apr

Fuga dai domiciliari? Si configura evasione

Allontanarsi dalla propria abitazione senza alcuna giustificazione accertata può determinare la denuncia per evasione.

E’ il caso di un uomo costretto ai domiciliari che decide di uscire dalla propria casa senza un reale motivo accertato.

Leggi di più

11
Apr

Photoshop sbagliato? Può costare una condanna assai pesante

Così si è espressa la Cassazione con l’ultima pronuncia della III sezione penale n. 15757/2018.

A pagarne le spese è un fotografo che aveva ritoccato delle foto di nudo di donne ponendogli il volto di minorenni.

Leggi di più

20
Feb

Il mobbing, fenomeno di difficile collocazione normativa

Il fenomeno del mobbing, ossia quell’insieme di comportamenti vessatori e di emarginazione posti in essere dal datore di lavoro nei confronti del dipendente, non ha ancora nel codice penale una giusta collocazione in quanto non esiste un articolo ad hoc.

Come definire al meglio il mobbing? Detto comportamento, come già previamente indicato, consiste in una serie di atteggiamenti persecutori, dequalificanti, di soprusi, compiuti dal datore di lavoro o dai colleghi che tendono ad emarginare il dipendente/collega dal luogo di lavoro.

Leggi di più

12
Feb

Anche una sola telefonata può integrare il reato di molestie

La contravvenzione di cui all’art. 660 c.p. dispone l’arresto fino a sei mesi o l’ammenda fino a euro 516 per colui che in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o a mezzo del telefono, per motivi di petulanza o di biasimevole motivo rechi disturbo o molestia ad una persona.

Detto articolo costituisce sicuramente una versione più “leggera” del reato di stalking, di cui all’art. 612 bis c.p., che, oltre ad assorbire la condotta delle molestie, richiede ai fini della sua configurazione la reiterazione di due azioni.

Leggi di più