19
Set

Il procurato allarme: cos’è e cosa si rischia

L’articolo 658 del codice penale cita testualmente che è punito con l’arresto fino a 6 mesi e con l’ammenda da € 10 a € 516 “chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l’Autorità, o presso enti o persone che esercitano un pubblico servizio” . La contravvenzione citata, quindi, persegue ogniqualvolta l’autore in situazioni molto caotiche (si pensi

Leggi di più

15
Mag

L’oblazione, una via di fuga facile per l’estinzione del reato

Quante volte si è sentito parlare di oblazione? Che cosa è? Tale istituto cosa permette? Ecco alcune osservazioni su tale “scappatoia” che in alcuni casi può essere utile per cancellare a tutti gli effetti la commissione del reato. E’ opportuno sin da subito precisare che l’oblazione sì estingue il reato, ma solo nei casi in cui vi sia la commissione

Leggi di più

18
Giu

Il morso del proprio cane può costare caro al padrone, ecco cosa c’è da sapere

Viene ribadito dalla Cassazione il principio consolidato secondo cui risponde del reato di lesioni personali colpose, ex art. 590 c.p., il padrone del cane che ha comportato con il suo morso delle lesioni personali ad un terzo.

12
Feb

Anche una sola telefonata può integrare il reato di molestie

La contravvenzione di cui all’art. 660 c.p. dispone l’arresto fino a sei mesi o l’ammenda fino a euro 516 per colui che in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o a mezzo del telefono, per motivi di petulanza o di biasimevole motivo rechi disturbo o molestia ad una persona. Detto articolo costituisce sicuramente una versione più “leggera” del reato

Leggi di più